Chiudi
Grand Hotel Calciomercato

Disabilita l'adblock

Chiudi
Grand Hotel Calciomercato

Chiudi

Giovanni
Mazzola

Dalla Salernitana all'Inter: Inzaghi e un destino che cambia in corsa
inzaghi_lotito_getty

Ripensamento. È la parola d'ordine quando si pensa al destino da allenatore di Simone Inzaghi. Un ripensamento, d'altronde, lo portò a guidare la Lazio nella stagione 2016-2017; lo stesso avuto lo scorso maggio, quando il rinnovo con i biancocelesti era ormai cosa fatta, ma Inzaghi ha fatto un passo indietro per sposare il progetto dell'Inter.

Inzaghi: nuovo allenatore della...Salernitana

Ma facciamo un passo indietro. È l'estate 2016. Simone Inzaghi, subentrato al posto di Stefano Pioli nelle ultime giornate del campionato 2015-2016, è tra i nomi nella lista della Lazio per la panchina. L'idea di Lotito, però, è chiara: Inzaghi sarà l'allenatore della Salernitana, con la possibilità di fare la gavetta in Serie B. Per i biancocelesti, il presidente e il ds Tare hanno in mente altri nomi. Prima qualche contatto con Sampaoli, poi l'affondo "loco", quello per Marcelo Bielsa. Un sogno che diventa realtà. Diversi incontri tra le parti, poi la firma che avviene a Rosario, in Argentina, dove vola il segretario generale della Lazio Armando Calveri. È fatta: il 6 luglio 2016 Marcelo Bielsa viene ufficializzato come nuovo allenatore della Lazio.  

Bielsa pianifica il mercato, ma non arriva

Già si inizia a pianificare il mercato, escono i primi nomi come Pato e Alessandrini, ma qualche giorno dopo c'è il colpo di scena, in pieno stile Bielsa. "Prendiamo atto con stupore delle dimissioni del Sig. Marcelo Bielsa - scrive la Lazio in una nota - anche a nome dei suoi collaboratori, in palese violazione degli impegni assunti con i contratti sottoscritti la settimana scorsa e regolarmente depositati presso la Lega e la FIGC con i relativi adempimenti previsti. La Società si riserva ogni azione a tutela dei propri diritti. Affida la conduzione della squadra nel ritiro preparatorio al Sig. Simone Inzaghi".  

Cinque anni fa il ripensamento della Lazio, in questi giorni quello di Inzaghi 

Un ripensamento che spalanca così le porte della Lazio a Simone Inzaghi. Altri cinque anni in biancoceleste, dopo gli ultimi sei da allenatore e, prima ancora, undici da calciatore. E le soddisfazioni non mancano, come la Coppa Italia vinta nel 2019 e due Supercoppe Italiane

Il rinnovo degli ultimi mesi sembrava cosa fatta, ma in questo caso torna una legge non scritta del calciomercato: gli affari sono chiusi solo quando ci sono le firme. Una legge "sfruttata" dall'Inter, che ha insistito grazie a quel piccolo spiraglio aperto da Inzaghi, diventato poi un raggio di luce. Due anni di contratto e tanti saluti alla Lazio dopo ventidue anni. Da una parte l'addio di Simone, dall'altro la rabbia di Lotito per il comportamento del suo allenatore. Ma la storia di Inzaghi lo insegna: il destino cambia in corsa e in questi giorni è pronto a iniziare la sua avventura in nerazzurro.

SCROLL TO TOP