Chiudi
Grand Hotel Calciomercato

Disabilita l'adblock

Chiudi
Grand Hotel Calciomercato

Chiudi

Valentino
Della Casa

Il derby di Manchester, l'accordo col Parma: il pazzo ottobre di Diallo
diallo_traore_gallery

Da Parma a Sassuolo, sarebbe stata quasi una cosa di famiglia. Solo che Amad non si è avvicinato al fratello Hamed. Anche se sembrava tutto fatto. In neroverde, Traoré sta facendo vedere ottime cose con De Zerbi. Diallo, invece, le mostrerà in Inghilterra. È stato l'acquisto a sorpresa (e, davvero, il più sorprendente) dell'ultima ora dello scorso calciomercato: dall'Atalanta al... Manchester United. Una prospettiva incredibile, per questo esterno ivoriano del 2002 che si allenava da un po' di tempo con Gasperini ma che ancora doveva entrare in pianta stabile nelle gerarchie della prima squadra.

 

 

E si parla dell'Atalanta, non proprio di una società qualunque. Torniamo a Parma: l'asse con Bergamo, non è proprio notizia nuova, basti pensare a Kulusevski. Qualche giorno prima della notizia del Manchester United, Luca Percassi e Pietro Pizzarotti erano stati fotografati insieme al ristorante dell'Hotel Hilton: nel menu, anche l'operazione Diallo. Era tutto fatto: “Domani vai nella sede dell'Atalanta a firmare tutte le carte, prima di trasferirti in Emilia”. Ma quando si presenta, i dirigenti nerazzurri gli fanno vedere un altro stemma sul contratto: “Ti abbiamo venduto allo United, va bene lo stesso?”. Un sorriso grande così, e quando la notizia inizia a circolare, nel giro di due ore si trova sessantamila follower in più sul suo profilo Instagram.

Quasi come Kulusevski

Avrebbe dovuto ripercorrere la stessa strada di Kulusevski, che prima dell'ivoriano aveva rappresentato la più grande plusvalenza portata a termine da Percassi: 34 milioni per Dejan, passato alla Juventus dopo l'ottimo anno con D'Aversa. Con i 40 di cessione al Manchester United (25 + 15 di bonus con il 15% sulla futura rivendita, operazione condotta dalla CAA Base di Frank Trimboli e Paolo Busardò), il record è stato polverizzato. Roba da far accapponare la pelle.

 

 

Venerdì 8 gennaio, Diallo è per l'Inghilterra. Nessuno ad accompagnarlo, era nella bolla, ma non cambia nulla: lo United in testa e la voglia di cominciare una nuova esperienza. Che poi, Manchester era già nel suo destino: sempre lo scorso settembre, a farsi avanti era stato il City. Un derby di mercato in gran segreto, concluso con la vittoria dello United e con i citizens che hanno subito virato su Filip Stevanovic (stesso anno, stesso ruolo, stessa operazione per gennaio 2021 per il giocatore proveniente dal Partizan di Belgrado). Un'altra bella storia, parallela a quella di Amad, che lascia la Serie A nonostante il tentativo di Gasperini di tenerlo (in prestito) fino a giugno. Di lui si sentirà parlare molto. Anzi, si è già iniziato.

SCROLL TO TOP