Chiudi
Grand Hotel Calciomercato

Disabilita l'adblock

Chiudi
Grand Hotel Calciomercato

Chiudi
profile picture

Redazione

profile picture
profile picture
Gavi, Pedri e non solo: la cura giovani che Xavi sta iniettando al Barcellona
xavi_getty_gpo

Quattro giocatori nati dopo il 2000 e uno subentrato. Così comincia la cura Xavi a Barcellona: giovani e cantera e ancora giovani e cantera. Seppur soffrendo, nella prima del ritorno al Camp Nou sotto un'altra veste, il neo allenatore ha vinto subito nel derby con l'Espanyol e da lì è partita la "remuntada" in Liga. Oltre ai vari innesti di mercato (Dani Alves, Aubameyang, Ferran e Adama Traoré), Xavi è ripartito dalle origini: la Cantera. 

 

I volti nuovi

Non c'era Pedri infortunato - che nel frattempo ha stravinto il Golden Boy 2021 - ma c'era Gavi titolare, così come Ilias Akhomach (all'anagrafe: 16 giugno 2004) e Nico (3 marzo 2002). Un'inversione di tendenza puntando al futuro che è un ritorno al passato in realtà: la centralità del settore giovanile.

Quello stesso settore giovanile che ha sfornato mostri sacri come lo stesso Xavi, Iniesta, Busquets, Piqué e, naturalmente Messi. Quella prerogativa che il Barcellona ha perso negli ultimi anni comprando e indebidandosi, finendo per perdere tutte le sue stelle

 

Verso il futuro

Il primo traguardo dell'era Xavi può già arrivare. Nonostante non sia arrivata subito la qualificazione agli ottavi di Champions, ora il "nuovo" Barcellona si sta facendo largo in Europa League. I giovani, dunque, ma l'esperienza a fare da chioccia per farli crescere. 

Per questo è tornato Dani Alves a 38 anni e Gerard Piqué e Sergio Busquets sono ancora centrali, più che mai nella squadra di Xavi. Nessun grande nome e tanta concretezza. La ricetta dell'ex regista è già in pentola, ora basta accendere il fuoco. Per tornare ad accendere il Camp Nou.

SCROLL TO TOP