Chiudi
Grand Hotel Calciomercato

Disabilita l'adblock

Chiudi
Grand Hotel Calciomercato

Chiudi

Paolo
Borella

Weah, Cosenza e Di Natale: Okereke è tornato e ha scelto Zanetti
okereke-venezia-image-gpo

Lo avevamo salutato nel 2019 dopo una Serie B da protagonista assoluto con 13 gol e 10 assist, lo riabbracciamo con un gol splendido in Serie A e fondamentale per i 3 punti del Venezia sul campo dell’Empoli. David Okereke è tornato in Italia e si è già fatto sentire. 

 

 

Weah parte 2? Tutto inizia fra Spezia e Cosenza

Dire che il gol è stato alla Weah può suonare scontato, ma i 60 metri di campo percorsi con la palla incollata al piede e uno slalom gigante fra i difensori dell’Empoli, potrebbero suggerire il paragone.

Una rete che puoi segnare solo se hai fiducia: dell’ambiente, dell’allenatore e dei tuoi mezzi tecnici. La stessa fiducia che ebbe lo Spezia per lanciarlo giovanissimo in Serie B. Infatti, nonostante l’attaccante sia un classe ’97, l’esperienza accumulata finora è già importante.

Tre sono i momenti decisivi della sua carriera fino ad oggi, divisi esattamente fra tre società: Cosenza, Spezia e Club Bruges. Fra lui e la squadra calabra scattò subito un feeling importante in soli 6 mesi, nel 2018.  

Lo Spezia lo prestò in Serie C per permettergli di trovare spazio e continuità. La risposta? Tre gol e due assist nei playoff e promozione in Serie B. Da lì in poi, la carriera si è completamente sbloccata.

Maestro Di Natale e la coppa dalle grandi orecchie

Prima nel 2018/19 allo Spezia, quando grazie ai consigli di Totò Di Natale (collaboratore tecnico e una sorta di “offensive coordinator”, se vogliamo la metafora di football americano) e la guida di Pasquale Marino in panchina, il nigeriano ha completato la miglior stagione del suo breve ma intenso percorso.

Poi al Club Bruges in Belgio, scelto davanti a Crystal Palace e Southampton per confermarsi da protagonista in un altro Paese. Okereke vince due campionati e gioca anche la Champions League, confermando le sensazioni positive sul suo talento.

Ancora Italia con Zanetti. Ma non c’era solo il Venezia in A…

Fino a quest’estate, quando è stato il momento di un’altra scelta importante. A 24 anni, le priorità di David sono cambiate: davanti alla possibilità di giocare ancora la Champions con il Besiktas restando all'estero, meglio rientrare in Italia e provare a confermarsi nel Paese in cui è cresciuto.

Due squadre su tutte ci hanno provato: Genoa e ovviamente Venezia. La scelta è ricaduta su quest’ultima, dove l’attaccante è arrivato in prestito con diritto di riscatto.

Non per questioni economiche o di accordo fra club, ma per la convinzione sul progetto e sull’allenatore. Umiltà, voglia di imparare e crescere. Queste sono le caratteristiche di un ragazzo che Zanetti apprezza sempre di più dopo le prime settimane insieme. 

In campo poi è un giocatore duttile, capace di giocare sia come attaccante centrale che come esterno e volendo da seconda punta in un modulo diverso dal 4-3-3 proposto finora dalla sua nuova squadra.

Intanto è arrivato il primo (super) segnale. “Sono solo al 70% della condizione fisica, ma voglio aiutare la squadra” aveva detto l’attaccante durante la sua presentazione al Venezia. Così è stato.

In attesa di trovare il massimo della forma e prendersi un posto da titolare nelle gerarchie del Venezia, un gol così parla chiaro: David Okereke è tornato.

SCROLL TO TOP