Chiudi
Grand Hotel Calciomercato

Disabilita l'adblock

Chiudi
Grand Hotel Calciomercato

Chiudi
profile picture

Redazione

profile picture
profile picture
Allegri-Cherubini: la nuova linea Juve è stata tracciata
allegri_gallery_gdm

Primi giorni, prime valutazioni. L’Allegri bis è cominciato la scorsa settimana, e la testa della Juve ora è tutta rivolta al calciomercato per accontentare l’allenatore e per far ripartire un progetto che non si è arenato ma che ha avuto delle difficoltà in questi ultimi due anni. Linee guida tracciate in accordo con Cherubini, ora bisognerà lavorare. Ma a chi? La priorità è verso due elementi: un centrocampista di qualità e una punta.

 

 

Ma anche in questo caso, Allegri e Cherubini hanno condiviso una linea: non sarà il calciomercato dei ritorni. “Basto io, no?” è il succo, divertito, della conversazione avuta tra l’allenatore e il dirigente, in merito ai potenziali nuovi acquisti. Perché, è chiaro, Pjanic o Pogba ad Allegri non possono non piacere, ma l’idea è quella di guardare a elementi nuovi, che non hanno ancora vestito la maglia bianconera.

La Juventus e Locatelli

Di qui, il nome di Locatelli a centrocampo, che interessa molto e su cui sono già cominciati i ragionamenti con il Sassuolo (potrebbe essere incluso Rovella, se il Genoa acconsentisse ad anticipare il passaggio a Torino).

La Juventus e Ronaldo

E l’attacco? Tutto ruota intorno a Ronaldo. Se il portoghese dovesse rimanere, le strategie cambierebbero. Ma la sua permanenza non è certa: uno scenario possibile è quello del Psg, che nel caso potrebbe provare di inserire Icardi come contropartita. Scenari, si diceva, non ancora trattative. Allegri con molta tranquillità aspetta, consapevole che le due priorità sono quelle.

 

 

La questione Donnarumma

Niente difensore, niente esterni. Almeno per ora. E nemmeno niente cambio in porta: la decisione, presa già da qualche tempo, è quella di puntare ancora su Szczesny, nonostante il nome di Donnarumma fosse stato considerato. Il portiere, promesso sposo del Psg, avrebbe anche accettato un trasferimento in bianconero andando incontro alle esigenze di bilancio della Juve, guadagnando meno di ingaggio almeno per i primi due anni di contratto. Non se n’è fatto nulla. Si guarda avanti.

SCROLL TO TOP